Know-how randagio

Ecco alcuni trucchi e consigli per prendersi cura dei gatti randagi in modo corretto.

Da cosa riconosco un gatto randagio? È giusto nutrirlo?

Dei semplici accorgimenti in linea con il sistema Trap-Neuter-Return aiutano a migliorare la vita dei gatti di strada. Ci impegnamo attivamente a divulgare e aggiornare costantemente le informazioni attinenti a questa tematica nel territorio siciliano.

La cosa più importante per i gatti che si trovano a dover vivere per strada, siano essi randagi o domestici con accesso all’esterno, è la castrazione. Solo la castrazione può prevenire ulteriori sofferenze! Difatti, i gatti che in Sicilia o altrove vivono per strada e privi di cure discendono, nel maggior numero dei casi, da dei gatti abbandonati.

Oltre alla castrazione ci sono altri modi per contribuire a rendere la vita dei randagi più sana e sicura:

  • Spesso le colonie feline sono così estese da non riuscire a garantire la sopravvivenza di tutti i membri. Mentre d’estate i gatti vengono spesso nutriti dai turisti, in inverno si trovano costretti a cercare delle nuove fonti di cibo. È quindi un bene dare da mangiare ai gatti randagi castrati.

  • Con una buona alimentazione, i gatti diventano più resistenti a malattie e parassiti. Purtroppo i randagi sono tormentati dai parassiti: non vengono sverminati e sono facile preda di pulci e zecche, che li indeboliscono. I gatti di strada non ottengono cure veterinarie nemmeno in caso di incidente o malattia.

  • Prestate attenzione all’ubicazione della colonia felina e al punto in cui viene distribuito il mangime. Offrono una via di fuga e la possibilità di nascondersi? Si tratta di una zona pulita, protetta dal sole e dalla pioggia? A volte spostare lievemente il punto in cui distribuire il mangime può bastare a proteggere i gatti dal traffico circostante.

Gatto randagio in un luogo storico di Ortigia
Gatto randagio in un luogo storico di Ortigia